Storie e confini 2011-12

Rassegna cinematografica promossa da
Dicastero Giovani ed Eventi della Città di Lugano e Istituto di studi italiani

 

L'anno scorso il ciclo cinematografico Storie e confini ha presentato tre film imperniati su letture "trasversali" della storia d'Italia, storie di confini e di sconfinamenti, di comunità ferite e di crisi delle loro difficili identità: Nuovo mondo di Emanuele Crialese (quest'anno candidato italiano al Premio Oscar con il suo recentissimo Terraferma, "Premio speciale della Giuria" del Festival del cinema di Venezia), e la coppia Il vento fa il suo giro e L'uomo che verrà di Giorgio Diritti. La straordinaria forza emozionale e spirituale dei tre film si è offerta come antidoto all'assuefazione nei confronti dell'oblio proprio dei nostri giorni, come sforzo per ritrovare parola e figura di speranza mirando al cuore delle cose.

L'Istituto di studi italiani e il Dicastero Giovani ed Eventi della Città di Lugano propongono quest'anno un nuovo percorso che saldi la riflessione sulla vicenda di sofferenza e di fatica dell'Italia moderna a uno sguardo lanciato "dalla parte della Svizzera" sulla complessa storia dell'emigrazione. Come la Svizzera ieri, che vedeva treni di emigranti italiani superare la frontiera, così l'Italia di oggi deve affrontare, fra lacerazioni politiche ed etiche, la difficile questione dell'accoglienza dei migranti africani che fuggono via dalla fame, dalla miseria, dalla morte.
Rispecchiandosi nelle reciprocità e nelle differenze, le due culture si scoprono coinvolte in un solo destino di difficile, necessaria maturazione.

Link Utili: Scarica la locandina 2011-12
Luogo e orario:
Proiezioni presso Teatro Il Foce (Lugano), ore 18h30

 

Programma

Mercoledì 14 dicembre 2011
PANE E CIOCCOLATA di Franco Brusati, con Nino Manfredi - Italia 1974, 100'

Dopo tre anni di affannosa ricerca di un lavoro dignitoso in Svizzera, Giovanni Garofoli è in prova presso un prestigioso hotel dove sembra coronare il suo sogno, sarà una foto disdicevole, consegnata alla polizia, a mettere in crisi la sua situazione e a farlo precipitare in un tunnel di giri di favore e mimetismo a buon mercato. Nino Manfredi in forma smagliante per una satira brillante.

*

Mercoledì 18 gennaio 2012
LO STAGIONALE di Alvaro Bizzarri - Svizzera/Italia 1972, 50'

In seguito alla morte della moglie in Italia, Giuseppe si vede costretto a portare in Svizzera il figlio di 6 anni. Questa decisione lo mette a confronto con il famigerato statuto degli stagionali in Svizzera che vieta il ricongiungimento familiare. Giuseppe ingaggia una lotta contro questa discriminazione legalizzata. Un film realista girato da chi ha vissuto in prima persona un periodo difficile dell'emigrazione italiana in Svizzera.

*

Mercoledì 4 aprile 2012
SIAMO ITALIANI di Alexander J. Seiler - Svizzera 1964, 79'

Documentario sulla grande comunità di italiani (circa 500mila persone) che vivevano in Svizzera si focalizza sulla discriminazione svizzera contro gli italiani. Un resoconto etnografico raccontato dalla prospettiva della classe lavoratrice italiana, questo film fu bloccato dopo essere stato proiettato per la prima volta sugli schermi svizzeri nel 1964.

*

Mercoledì 9 maggio 2012
LA FORTERESSE di Fernand Melgar - Svizzera 2008, 104'

Nel Centro di accoglienza di Vallorbe, nel Canton Vaud, il documentarista Fernand Melgar segue alcuni profughi durante la procedura per la dichiarazione di rifugiati. Un armeno, giunto di notte su un camion, si vede assegnare a un dormitorio in cui incontra un rifugiato di lingua russa che gli fa da guida. Ascoltati a due riprese da un funzionario della Confederazione, devono giustificare la loro presenza in Svizzera e il pericolo che correrebbero se tornassero in patria. Un documentario di osservazione intenso e deciso che si è aggiudicato il Pardo d'Oro per Cineasti del Presente al Festival di Locarno.

*

ENTRATA LIBERA

Informazioni:
Il Foce, via Foce 1
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 72 03
sportello.foce@lugano.ch
www.agendalugano.ch

Swissuniversity